GIADA & JACK

CRAZY CREATIVE WEDDING IN PAVIA

Il matrimonio più bello e divertente a cui io abbia mai preso parte.

Un matrimonio tra due persone completamente fuori dall’ordinario con un amore nato da un’amicizia durata da sempre e trasformatosi nella relazione più spontanea e naturale a cui abbia mai testimoniato.
Giada e Jack litigano, come tutte le coppie, ma poi risolvono tutti i problemi sfidandosi a ping pong sul super tavolo a cui hanno dedicato un’intera stanza della loro meravigliosa casa costellata di dinosauri, manichini, foto di stock di gente felice e girasoli.
Giada e Jack hanno raggiunto il Chiostro di San Lanfranco, dove si è tenuta la festa, pedalando in risciò per le vie del centro di Pavia inseguiti da molti invitati in bici e da una fotografa molto sudata ed affannata (me medesima).
Giada e Jack hanno creato delle grafiche personalizzate per il loro matrimonio che vanno aldilà di qualsiasi progetto grafico per partecipazioni ed allestimenti che io abbia mai visto. Cartonati di T-Rex e Papere, loro alter ego, costellavano ogni stanza in cui si trovavano, persino il comune.
Nel suddetto Comune si è tenuto il rito civile nel quale hanno figurato, tra gli altri, un robottino aspirapolvere entrato autonomamente in sala per consegnare un dono speciale alla sposa, numerosi cacti veri o sintetici, delle fedi portate sul pezzo di marmo sul quale Jack si è quasi spaccato la testa al suo addio al celibato ed una certa Alice Moggi (CHIIII?!) a celebrare il tutto.

Non è stato solo divertente ai massimi storici, è stato anche molto toccante ed infatti mi sono trovata a versare lacrime di gioia e commozione tentando di nascondermi dietro la -fortuitamente- enorme mole della mia Canon.

Per raccontare tutto ciò che è accaduto al ricevimento dovrei scrivere un post a parte. Vi basti sapere che, dopo l’ennesimo amaro, lo sposo ha abbandonato l’abito in favore di una t-shirt, che abbiamo goduto di una meravigliosa versione unplugged dei Collywobbles, che il risciò è stato preso in ostaggio da diversi ospiti in stato di ebbrezza e veniva guidato a velocità inadeguate nei cortili dell’edificio, che venivano elargite carte con compiti buffi da assolvere in onore degli sposi, che essendo il bouquet di Giada un cactus il lancio dello stesso si è trasformato in qualcosa di molto divertente e pericoloso e che per fare le foto di gruppo ho dovuto radunare le masse urlando a squarciagola in un megafono per bambini.

Insomma, un matrimonio capolavoro da cui molti dovrebbero prendere esempio.


Concludo con la mia foto preferita della giornata, quella con me.

Catering: http://balancin.arke-coop.it/

Abito da sposa: https://www.comeinunafavola.it/

Abito sposo: http://www.lasposabelgioioso.it/

Risciò: http://www.sportouring444.com/

Partecipazioni & Grafiche: Giacomo Pressel

Band: http://www.collywobbles.it/

Musica in Comune: Alessandro Emmi

Location: Chiostro di San Lanfranco